Panathlon: domani in Piazza Cavour il Road Tour

0
15 views

Nuova iniziativa del Panathlon Club International di Agrigento, presieduto dal dott. Luigi Tropia, per la diffusione dei valori dello sport come strumento di formazione e di valorizzazione della persona, e per favorire l’approccio alla pratica di una disciplina sportiva. Domani, sabato 29 ottobre, infatti, ad Agrigento nella centralissima Piazza Cavour, sarà di scena una tappa del Road Tour, che ha lo scopo di divulgare la “Carta dei doveri dei genitori nello Sport”, varata di recente dal Panathlon per festeggiare i 65 anni dalla nascita del movmento panathletico. Un documento che ha già riscosso un notevole interesse da parte del Comitato Olimpico Internazionale, di numerosi Comitati Olimpici Nazionali, delle Federazioni Sportive e delle Istituzioni Scolastiche.

L’iniziativa, che gode del patrocinio gratuito del Comune di Agrigento, prevede l’arrivo di un camper itinerante che sosterà nella mattinata di domani a partire dalle ore 8.30 in piazza Cavour per organizzare alcuni eventi. Verrà predisposto un Front Office informativo sul tema e saranno allestiti un campetto da basket e una buca da golf per far conoscere ai partecipanti, siano essi sportivi o meno, i principi del movimento basati sulla valorizzazione dell’etica e sulla salvaguardia dei giovani nello sport, sull’esaltazione del fair play non solo in ambito sportivo ma anche nella quotidianità.

Alla manifestazione sono stati invitati tutti i dirigenti scolastici e i referenti per l’educazione motoria, fisica e sportiva delle scuole primarie e secondarie di I e II grado del Comune di Agrigento.

Continua, dunque, l’impegno del Panathlon Club di Agrigento nelle sue attività promozionali, aderendo alla “Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport”, la “Carta del Fair Play” e alla “Dichiarazione del Panathlon International sull’Etica nello Sport Giovanile” di Gand (2004), documenti fondamentali per quanti accettano di praticare e divulgare un ideale sportivo che evidenzi l’importanza della persona, piuttosto che il risultato, e stabiliscono chiare regole di comportamento nella ricerca dei valori positivi dello sport giovanile.